Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » Avvisi e news » Attività di hobbistica

Attività di hobbistica

di Lunedì, 14 Marzo 2016
Immagine decorativa

Tutti gli interessati a svolgere tale attività, residenti in questo Comune (mentre per i soggetti residenti in altre Regioni o nella Provincia autonoma di Bolzano la richiesta dovrà essere fatta al Comune di Trento), dovranno richiedere il tesserino identificativo che verrà rilasciato a far data dal 1 gennaio 2016.

Sono hobbisti coloro che vendono, in modo salturario e occasionale, merci e prodotti di modico valore, non appartenenti al settore alimentare, su aree pubbliche o in spazi dedicati.

Con deliberazioni n. 1647 e n. 1648 di data 28 settembre 2015 della Giunta provinciale, viene data attuazione all’art. 20 ter , comma 5 della legge provinciale n. 17 del 2010, stabilendo i requisiti e i limiti per lo svolgimento dell’attività di hobbistica sul territorio provinciale.

La nuova disciplina si applica a decorrere dal 1 gennaio 2016.

Il tesserino è rilasciato per non più di una volta ogni due anni per nucleo familiare ed ha validità per due anni decorrenti dalla data del rilascio e nel limite annuale di dieci giornate; non è cedibile o trasferibile; è esposto durante la vendita in modo visibile e leggibile al pubblico e agli organi preposti al controllo.

La partecipazione a mercati, sagre, fiere e manifestazioni della durata di due giorni, purchè consecutivi, equivale a una sola giornata.

Il tesserino di ogni hobbista è vidimato con timbro e data, in uno degli appositi spazi, dal comune sul cui territorio è svolta la vendita in forma hobbistica. Non possono essere rilasciate copie, duplicati o tesserini sostitutivi per i tesserini identificativi eventualmente smarriti o per qualsiasi causa non più in possesso o nella disponibilità del suo titolare.

Gli hobbisti non possono farsi sostituire da altri soggetti nell’esercizio della propria attività di vendita.

Il valore complessivo della merce esposta non può essere  superiore a 1000 euro e il valore del singolo prodotto non può essere superiore a 200 euro.

Relativamente all’esposizione dei prezzi, per tutti gli articoli in vendita è necessario indicare in modo chiaro e ben leggibile il rispettivo prezzo mediante l’uso di un cartellino.

Gli oggetti di propria produzione per la realizzazione dei quali è sufficiente una comune capacità progettuale e di esecuzione possono essere venduti, oltre che attraverso le modalità di vendita al dettaglio definite dalla L.P. n. 17/2010, anche in forma hobbistica.

Non sono soggette alle disposizioni in materia di vendita in forma hobbistica quelle tipologie di vendita, svolte anch’esse in maniera occasionale, che sono soggette a S.c.i.a. ed in particolare le attività temporanee di vendita al dettaglio (art. 20 bis L.P. n. 17/2010), le attività di vendita svolte all’interno delle manifestazioni fieristiche locali, nonché le attività di vendita effettuate nell’ambito dei mercati tipici  soggetti a specifica autorizzazione da parte del comune territorialmente competente (art. 18 L.P. n. 17/2010), a condizione che non siano individuati spazi  o posti riservati per gli hobbisti; nel caso in cui invece, nell’ambito delle fattispecie sopra individuate, fossero riservati posti per gli hobbisti, saranno ammessi soltanto coloro che siano in possesso del tesserino identificativo che andrà vidimato per una delle 10 giornate disponibili.

Cerca